La guida completa al marketing su YouTube nel 2021 (parte 1)

di | 19 Novembre 2020

Quando avrai completato questa guida in 10 passaggi al marketing di YouTube, sarai in grado di creare e ottimizzare un canale YouTube di successo.

Il marketing di YouTube è spesso trascurato dai social media marketer. Alcuni pensano che YouTube conti come un social media. Altri lo vedono più come una piattaforma di video online .

In ogni caso, ci sono innumerevoli opportunità di marketing su YouTube, soprattutto se il tuo pubblico target è sulla piattaforma e i tuoi concorrenti no. YouTube conta due miliardi di utenti mensili registrati in tutto il mondo e si classifica come la piattaforma online più utilizzata.

Quindi, in questo senso, se YouTube soddisfa o meno i criteri dei social network è irrilevante. È più popolare di ognuno di loro. Ma considerando le più di 500 ore di video caricate ogni minuto, un marketing efficace su YouTube è più facile a dirsi che a farsi.

Fortunatamente, abbiamo messo insieme questa strategia di marketing su YouTube in 10 passaggi per aiutarti. Scopri come ottimizzare il tuo canale, aumentare le iscrizioni ed espandere la tua copertura con gli annunci di YouTube e le partnership con altri influencer.

La strategia di marketing su YouTube in 10 passaggi

Passaggio 1. Crea un canale YouTube per le aziende

Inizia aprendo un account business su Google.

Puoi creare un canale YouTube con il tuo normale account Google, ma se lo fai, solo tu puoi accedervi. Inoltre, l’account sarà a tuo nome e, a seconda delle tue impostazioni, potrebbe mettere a disposizione degli spettatori il tuo indirizzo email personale.

Con un account business, più utenti autorizzati possono accedere contemporaneamente. Anche se non ne hai bisogno in questo momento, è una buona opzione da considerare man mano che la tua attività cresce. Con un account business, puoi anche aprire e gestire più canali YouTube.

Passaggio 2. Raccogli informazioni sul tuo pubblico

Se hai appena iniziato, dedica del tempo per conoscere i dati demografici di YouTube .

Ciò include dati quantitativi, come il luogo in cui vive la maggior parte degli utenti (quasi il 15% del traffico del sito proviene dagli Stati Uniti), la fascia d’età predominante (l’81% sono persone tra i 15 e i 25 anni) e le preferenze di visualizzazione (il 70% del tempo di visualizzazione proviene da dispositivi mobile). Se il tuo pubblico è più giovane, considera che è molto probabile che cerchino contenuti di breve durata.

Raccogli anche tutti i dati qualitativi che riesci a trovare. Ad esempio, sapevi che nel 2019 sono state guardate più di 99 milioni di ore di video di meditazione guidata? O che tra il 2017 e il 2019 le visualizzazioni di video con “come risparmiare” nel titolo sono aumentate di 10 volte?

Con un canale YouTube per le aziende, hai accesso a una scheda Analytics . Se ne hai già uno attivo e funzionante, utilizza questa scheda per conoscere il tuo pubblico di YouTube. Monitora il tempo di visualizzazione e le statistiche demografiche disponibili. Confermano le tue ipotesi? Quanta somiglianza c’è con il pubblico presente sugli altri tuoi canali social?

Se gli spettatori hanno lasciato commenti leggili per vedere cosa puoi imparare sui loro interessi e preferenze. Visita anche la scheda Community. Se c’è qualcosa di specifico che vorresti sapere, questo è un buon posto per pubblicare una domanda o creare un sondaggio.

Passaggio 3. Studia la concorrenza

Come ogni piattaforma, YouTube è uno spazio competitivo. Conducendo una ricerca sui tuoi concorrenti, puoi trarre molti spunti su come gestire il tuo canale e identificare varie opportunità.

Identifica i concorrenti

Inizia identificando da tre a cinque concorrenti. Se non sei sicuro, prova lo strumento di pianificazione delle parole chiave gratuito di Google Ads per vedere quali aziende si classificano per le parole chiave associate al tuo marchio. Oppure guarda quali canali vengono visualizzati nelle ricerche su YouTube per le stesse parole chiave (dopo aver cliccato su Cerca , filtra i risultati per canale).

Registra alcune metriche chiave come il conteggio degli iscritti e le statistiche sugli spettatori in modo da poterle utilizzare come metro di paragone per il tuo canale. Guarda i titoli e le descrizioni per vedere quali parole chiave usano. Leggi i commenti su questi video per vedere cosa dicono le persone. È probabile che il loro pubblico sia simile al tuo.

Suggerimento: assicurati che i tuoi concorrenti non pubblichino annunci sui tuoi video!

Passaggio 4. Impara dai tuoi canali preferiti

Scorri le tue iscrizioni e la tua cronologia di YouTube. Mentre lo fai, prendi nota delle tecniche e dei formati che attirano la tua attenzione. Cosa ti fa tornare su questi canali? In che modo i canali più popolari generano visualizzazioni, iscrizioni e coinvolgimento?

Dai un’occhiata ai video di tendenza di YouTube. Anche se questi video non hanno nulla a che fare con la tua attività o settore, puoi imparare molto da loro. Tutti questi video sono di alta produzione o sono girati in modo più casuale? Qual è la durata più comune di questi video? Aggiungono effetti speciali o sovrapposizioni di testo?

Inizia a pensare alla tua strategia per i contenuti di YouTube. Che tipo di contenuto ha senso per il tuo marchio? Hai intenzione di utilizzare YouTube per raccontare storie, offrire tutorial o cos’altro?

Passaggio 5. Ottimizza i tuoi video per ottenere più visualizzazioni

YouTube è un motore di ricerca video. Come Google, che possiede YouTube, i risultati dei video sono classificati in base a titoli, parole chiave, descrizioni e altri fattori. Poi c’è l’ algoritmo di raccomandazione di YouTube, che determina il 70% di ciò che le persone guardano.

Ottimizza i tuoi video in modo che abbiano le migliori possibilità di comparire nei risultati di ricerca e ottenere più visualizzazioni.

Qui ci sono alcuni suggerimenti SEO per iniziare:

Scrivi un titolo forte

Il titolo è uno dei fattori chiave che l’algoritmo di YouTube e gli spettatori guardano per valutare il tuo video.

Includi parole chiave pertinenti. Controlla quali parole usano le persone per trovare il tuo canale tramite YouTube Analytics. Dai un’occhiata anche a Google Trends e allo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads. Verifica se uno di questi termini di ricerca popolari può essere aggiunto al tuo titolo.

Evita però il clickbait! La falsa pubblicità in genere porta a una minore fidelizzazione, che a sua volta porta a un ranking inferiore. Se le parole chiave che trovi non corrispondono al tuo argomento, approfondisci un po’ la ricerca.

Suggerimento: Pinterest è un altro buon posto per controllare. Cerca una parola chiave come “trucco” e guarda cos’altro viene visualizzato.

Crea una miniatura straordinaria

Ancora prima dei titoli, le miniature sono la cosa che più salta all’occhio. Il 90% dei video con le migliori prestazioni su YouTube ha una cosa in comune quando si tratta di miniature: sono personalizzate!

Con una creatività personalizzata è più probabile che la tua miniatura risalti. Un altro vantaggio è che puoi assicurarti che l’immagine e il titolo funzionino in tandem. Potresti, ad esempio, utilizzare un’immagine “prima e dopo”. Questo crea attesa: le persone guarderanno per vedere come raggiungi il risultato finale.

Assicurati che la tua miniatura abbia la massima risoluzione possibile (2 MB è la dimensione massima). Le specifiche sono: 1280 x 720 pixel (rapporto 16: 9).

Scrivi una descrizione ricca di parole chiave

Dai la priorità alle prime righe della descrizione per fornire un breve riepilogo dell’argomento del video. Il prima possibile, inserisci le parole chiave su cui ti sei concentrato. Cerca di non sembrare troppo spam. Scrivi frasi coerenti e dal suono naturale.

YouTube mostra circa 300 caratteri (circa tre righe) sopra il pulsante “mostra altro” su cui gli utenti devono fare clic per visualizzare la descrizione completa. Qui è dove dovresti aggiungere più contesto per il tuo video. Ad esempio, se presenti diversi prodotti, fornisci loro dei link.

Aggiungi anche link al tuo sito web e ai canali social. Se stai spingendo le iscrizioni, puoi persino includere un link per l’iscrizione automatica.

Cerca di ottenere il massimo dal tuo limite di 5.000 caratteri e 15 hashtag.

Aggiungi schede, schermate finali e filigrane

Schede, schermate finali e filigrane sono inviti all’azione cliccabili che puoi aggiungere ai tuoi video di YouTube. Questi elementi aiutano i tuoi video a guidare le azioni dei tuoi spettatori e a mantenere le persone sul tuo canale.

Ecco un riepilogo delle tue diverse opzioni:

  • Schede: inviti all’azione piccoli e trasparenti che si espandono quando si fa clic. È possibile utilizzarne fino a cinque per video per indirizzare gli spettatori al tuo sito web, alla tua raccolta fondi, le tue playlist e molto altro ancora.
  • Schermate finali: fino a quattro fotogrammi selezionabili che verranno visualizzati negli ultimi 5-20 secondi. Usali per promuovere contenuti correlati, il tuo sito web, abbonamenti, ecc.
  • Filigrane: pulsanti di iscrizione personalizzati visibili solo ai non iscritti. Per aggiungerli ai tuoi video, segui le istruzioni di YouTube.

Ricorda agli spettatori di mettere Mi piace, condividere e iscriversi

C’è un motivo per cui molti video di YouTube finiscono con l’invito agli spettatori a “mettere mi piace, condividere e iscriversi”. Funziona! Chiedere non fa mai male. A volte le persone hanno solo bisogno di un promemoria. Inoltre, questo tipo di coinvolgimento fa guadagnare punti con l’algoritmo di YouTube.

Conclusioni

La prima parte finisce qua!

Sono sicuro che questi 5 punti ti torneranno molto utili per il marketing del tuo canale YouTube.

Vuoi scoprire anche il resto?

Leggi qui La guida completa al marketing su YouTube nel 2021 (parte 2) la seconda parte.

Alla prossima 🙂

Articolo scritto da Alessio di Marketing360Gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *