Essere più produttivi (e felici) al lavoro. 3 Consigli d’Oro

di | 17 Novembre 2020

1. Sii proattivo, non reattivo

La parola reattivo significa fondamentalmente che non usi o hai iniziativa. Consenti agli altri sul posto di lavoro di dirti cosa fare e prendere le decisioni, mentre tu sei quello che fa le cose.

Al contrario, la parola proattivo implica che anticipi le cose, trovi nuovi modi di lavorare e nuove idee da portare in tavola di tua iniziativa. 

Nessuno ha bisogno di dirti cosa fare perché di solito sei comunque un passo avanti.

In breve, essere proattivi è la stessa cosa che essere reattivi con una GRANDE differenza: reagisci prima del tempo.

Reagisci. Prima. Del Tempo.

Per diventare più proattivo e utilizzare il tuo tempo in modo produttivo ed efficiente, per non parlare di impressionare di più i tuoi colleghi, devi ricordare 3 cose principali:

  1. Chiediti cosa è probabile che accada e assicurati di avere un modo per affrontarlo prima che accada.
  2. Guarda il quadro generale e attua i passaggi necessari da compiere in anticipo.
  3. Sii sempre al top e assicurati che anche la tua energia lo sia. Fare qualcosa che ami ti aiuta a essere proattivo, poiché vorrai sinceramente essere il migliore in quello che fai.

2. Approfitta del pendolarismo

Indipendentemente da come arrivi al lavoro, che tu guidi un autobus, una bicicletta, una passeggiata o uno scooter per andare al lavoro, secondo delle statistiche l’italiano medio passa più di 100 ore all’anno da pendolare, quindi per dirigersi e tornare dal posto di lavoro.

Ammettiamolo, sono molte ore e si sommano davvero. Secondo l’US Census Bureau, in America nel 2014 c’erano più di 139 milioni di lavoratori pendolari. In pratica, oltre la metà dei lavoratori americani. Con una media di 26 minuti a tratta per andare al lavoro, cinque giorni alla settimana, 50 settimane all’anno.

Dati cosi accurati in Italia non sono disponibili ma si avvicinano sicuramente.

Immagina tutte le cose che potresti fare con tutto quel tempo? Invece no, invece sei seduto su un treno o bloccato nel traffico…a guardare video su YouTube, Instagram, leggere la home di un giornale…(o questo articolo, in tal caso sei giustificato).

Bello, rilassante, ma uno spreco ENORME di tempo.

Si, il tuo tragitto giornaliero è inevitabile, abbiamo tutti bisogno di andare al lavoro e sì, è un lavoro ingrato, ma hai il potere di trasformarlo in un momento produttivo durante il giorno. 

E no, non intendiamo scorrere il tuo feed di notizie di Instagram, intendiamo iniziare la tua giornata lavorativa in anticipo.

Ad esempio, potresti:

  • Pianificare la tua giornata : abbiamo già menzionato quanto sia importante questo punto per la tua produttività, quindi perché non pianificarlo mentre stai andando al lavoro?
  • Rispondi alle email : inizia la tua giornata rispondendo a tutte quelle e-mail che richiedono tempo per prima cosa al mattino. Quando arriverai in ufficio, sarai in grado di iniziare le tue attività con una casella di posta pulita … abbastanza figo, no?
  • Autoapprendimento : perché non spendere del tempo per alimentare la tua carriera e conoscenze? Ascolta un podcast pertinente, leggi un articolo formativo, rimani aggiornato sulle ultime notizie nel tuo campo. Ti istruirai e farai partire il cervello presto.

Qualunque cosa tu scelga di fare, inizia ad aumentare la tua produttività durante i tuoi spostamenti per ottenere il massimo dalla tua giornata. 

Lavorerai anche con un senso di realizzazione: secondo noi un bonus per iniziare la giornata in questo modo!

Leggi anche: https://marketing360gradi.com/come-lavorare-in-modo-piu-intelligente-non-di-piu-top-10-consigli/

3. Riduci al minimo le distrazioni

Per ottimizzare i tuoi livelli di produttività devi sbarazzarti di tutte le cose che ti fanno perdere tempo. 

Per molti di noi, possono essere e-mail, notifiche telefoniche o social media. Siamo diventati tutti così dipendenti dall’essere costantemente online, i telefoni in mano e guardare qualcosa che ci perdiamo in qualunque cosa stiamo guardando e non ci rendiamo conto che sprechiamo ore e ore di tempo produttivo.

Mentre sei al lavoro, è anche molto facile essere distratti dai colleghi. Uno vuole prendere un caffè con te e l’altro è semplicemente “passato per un saluto”, mentre stai cercando di abbassare la testa e completare i tuoi doveri. 

Tutte queste interruzioni producono un cambiamento nel modello di lavoro e un calo della produttività.

Allora cosa puoi fare per fermare queste distrazioni? Bene, per prima cosa, impara a lavorare in modo più intelligente invece che più duro e inizia a stabilire dei limiti. Questo può includere.

  • Impostazione degli “orari di ufficio” in modo che le persone sappiano quando sei e non sei disponibile
  • Silenziamento delle notifiche del telefono
  • Impostare gli orari per l’accesso ai social media e le e-mail in modo da non farlo mentre si lavora su qualcosa.
  • Utilizza strumenti e app di pianificazione e controllo del tempo in modo da lavorare e fare pause pianificate, per ottenere il massimo dalla tua giornata e ridurre al minimo le distrazioni.
  • Blocca i siti web che rubano la tua attenzione e quindi riducono la tua produttività.

Leggi anche: App e strumenti per aumentare la produttività

Riducendo al minimo le distrazioni, noterai quanto velocemente aumenterà la tua produttività e non c’è sensazione migliore di quel senso di realizzazione alla fine di una lunga giornata lavorativa sapendo che hai tutto quello che ti serve.

4. Dormi a sufficienza

Torniamo all’America (ma tutto il mondo è paese!)

Lo sapevi che il 70% degli americani ammette di essersi addormentato sul lavoro? Secondo un sondaggio condotto da William A. Anthony, PhD, psicologo clinico e direttore del Center for Psychological Rehabilitation della Boston University, gli americani si stanno addormentando mentre lavorano semplicemente perché ne sentono il bisogno. 

Gli spostamenti mattutini, le lunghe ore di lavoro e le troppe responsabilità a casa significano che un numero crescente di persone non dorme a sufficienza.

Ormai siamo tutti consapevoli che non dormire a sufficienza ha effetti negativi sulle nostre prestazioni in tutte le aree della nostra vita

Tuttavia, sul posto di lavoro ha un impatto ancora maggiore poiché la corteccia prefrontale che ci aiuta con compiti che richiedono ragionamento logico e pensiero complesso è influenzata dalla mancanza di sonno e ci penalizzerà quando proviamo a completare tali compiti.

Pertanto è molto importante dormire a sufficienza ogni notte per garantire che la nostra produttività rimanga al top della forma. 

Secondo la National Sleep Foundation, ciò significa assicurarsi di dormire tra le 7 e le 9 ore a notte se sei un adulto di età compresa tra 26 e 64 anni.

Assicurati quando pianifichi la tua giornata, che tutte le cose presenti sulla tua lista di cose da fare venga completata in tempo per permetterti di dormiretra le 7 e le 9 ore per notte.

Alcuni consigli forse abbastanza semplici, ma che spesso ci dimentichiamo e hanno un effetto drastico sulla nostra produttività, qualità lavorativa e di vita 🙂

Articolo scritto da Alessio di Marketing360Gradi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *